NOTIZIE / 1AIM Villorba Corse sempre protagonista alla 4 Ore di Spa in ELMS

20 Set 2021

Inizio con lotta ai vertici in Belgio, poi una safety car annulla il vantaggio e Bressan-Laskaratos-Fioravanti sfiorano la top-5 al volante della Ligier-Nissan LMP3: “Gara competitiva, squadra perfetta, peccato gli imprevisti occorsi, ma siamo soddisfatti del lavoro svolto e di quanto abbiamo saputo mettere in mostra 

Treviso, 20 settembre 2021. Grande competitività in pista e top-5 sfiorata per 1AIM Villorba Corse alla 4 Ore di Spa-Francorchamps, penultimo appuntamento dell’European Le Mans Series 2021 sul leggendario circuito belga concluso con un importante sesto posto, dopo aver anche condotto la gara al comando nella prima parte. Cercava un “boost” di performance la scuderia veneta diretta da Raimondo Amadio dopo l’ottava posizione conquistata nel round di Monza lo scorso luglio: missione compiuta. La Ligier-Nissan LMP3 numero 18 dei piloti Alessandro Bressan, Andreas Laskaratos e Damiano Fioravanti ha ottimizzato al massimo la strategia pianificata per la corsa dopo un già incoraggiante sabato di qualifiche dove, nonostante un’interruzione per bandiera rossa, Fioravanti si era posizionato al nono posto.



In gara, il pilota trevigiano Bressan ha avuto un ottimo spunto al via istallandosi al terzo posto, salendo ancora fino a comandare il plotone delle LMP3 in un primo stint molto articolato con ben due safety car. Proprio la seconda safety car non ha favorito il team italiano, che in quel momento vantava un cospicuo vantaggio sugli inseguitori e che in ogni caso lungo i 7004 metri del circuito delle Ardenne ha lottato a lungo per la top-5 anche nei due stint centrali del greco Laskaratos e nel finale con il giovane romano Fioravanti. Fra un mese ultima trasferta di stagione nell’endurance internazionale della ELMS in Portogallo: appuntamento a Portimao nel weekend del 24 ottobre.

Amadio, team principal, dichiara dopo Spa: “Siamo soddisfatti, gara bella e consistente, eravamo molto competitivi. La squadra ha lavorato alla perfezione e non abbiamo sbagliato niente. Peccato soltanto che il risultato finale, il sesto posto, che comunque è buono, non rispecchia la competitività del pacchetto che schieriamo e che si è vista nella prima parte di gara. Anche stavolta la casualità ci ha messo lo zampino tra safety car e full course yellow. Purtroppo non è stata la prima volta in questa stagione, però il weekend è stato davvero positivo e dobbiamo ripartire da qui”.